INFORMAZIONE DI BASE

Al momento, la Biotecnologia sta cambiando velocemente, da un’industria di ricerca e sviluppo, ad un’industra di produzione, vendita e marketing. Possono essere nominati cinque settori in via di sviluppo: utilizzo di cellule staminali, produzione di frammenti di DNA e proteine, nanotecnologia clinica, ingegneria dei tessuti e sviluppo proteomico.

L’istituto di Ricerca Biologica Biocell Ultravital, con oltre 70 anni dedicati alla ricerca e allo sviluppo di specifico materiale biologico ad alto potere per il corpo umano, continua a sviluppare nuove terapie nelle quali abbiamo avuto successo nel rigenerare le cellule anomale del recipiente e a ripararle e rivitalizzarle seguendo le norme più severe e rigorose richieste dalla sicurezza biologica.

Nella maggior parte dei casi, impieghiamo sostanze naturali – i cosiddetti composti cellulari – usando estratti di origine animale e vegetale che sono medicine biologiche sicure al 100% per l’alimentazione delle cellule e che inducono progressivamente alla riparazione e normalizzazione del ciclo delle cellule come meccanismo curante. Quando utilizziamo intere cellule nelle iniezioni, parliamo di rinnovo cellulare.

Il successo dei nostri trattamenti cellulari sta principamlemte nel fatto che sono accettate dal corpo ricevente senza rischio di rigetto o possibili disordini delle cellule genetiche del recipiente; i suoi effetti sono rivitalizzanti in una prima fase, e rigeneranti successivamente.

Naturalmente, non producono l’effetto terapeudico conosciuto da tutti; al contrario, è il corpo che modifica se stesso. Diversamente dalle medicine chimiche, che possono alterare il ritmo dei processi biologici esistenti (per esempio la chemoterapia), i nostri prodotti non hanno la capacità di imporsi sull’organo interessato, piuttosto agiscono solamente al punto da essere accettati e incorporati come parti integrali, e quindi non possono mai agire nuocendo il corpo ricevente. Le reazioni successive nel tempo (per esempio l’incremento sostenuto della produzione di un ormone) non sono dovute ad un’azione residua, ma alla risposta biologica da parte del recipiente. La composizione molto complessa ma allo stesso tempo semplice dei nostri prodotti, malgrado possa sembrare contraddittorio, è quanto più diverso dalla semplicità di una mono-medicina, che la farmacologia considera come sostanza efficace.

Visto che focalizzano generalmente sulla sintomatologia, le terapie classiche si concentrano sulla fase finale delle malattie; cioè è più sintomatica che casuale, e mira dal punto di vista patogenetico e terapeudico alle conseguenze e non a considerare se la causa si conduca a livello dei mitocondri, ribosomi o citomembrane, geneticamente istruiti o programmati male, ed in parole povere, al disordine cellulare.

In modo naturale, i tessuti del corpo, lungo il corso della vita, si usurano. Il corpo si protegge da quest’usura sviluppando una capacità intrinseca di auto-rinnovare i tessuti che si usurano. Se questa capacità di auto-rinnovarsi non dovesse esistere, la speranza di vita si ridurrebbe notevolmente.

Tutti gli esseri viventi sono costituiti da cellule e tutte le cellule del corpo hanno esattamente le stesse informazioni genetiche.

Comunque, non tutte le cellule si comportano allo stesso modo. Sappiamo che la regolazione della crescita e della divisione delle cellule (ciclo delle cellule) è molto complesso. Nel ciclo cellulare ci sono punti di restrizione che impediscono la continuazione normale del ciclo per diversi motivi, come, per esempio, quando le cellule non raggiungono una dimensione sufficiente, mancano alimenti, il DNA è danneggiato o subisce danni chimici dall’esterno, eccetera.

Lo sviluppo normale è un processo bilanciato che include la proliferazione e la morte delle cellule. I processi di proliferazione e morte delle cellule per apoptosi sono ancora più complessi e implicano la partecipazione di molti geni. In entrambi i processi, il gene soppressore p53 è uno dei geni o proteina più importanti e studiati. Questo fattore di trascrizione attiva una varietà di geni, causando l’inibizione della progressione del ciclo delle cellule e della riparazione delle cellule, o l’apoptosi. I segnali che attivano le funzioni del gene p53 includono il danneggiamento del DNA che prende parte all’inibizione della progressione delle cellule durante la fase G1.

Quando una cellula è danneggiata, il blocco del ciclo o l’induzione dell’apoptosi dipendono dall’intensità del danno. Il risultato finale dei diversi meccanismi d’azione del gene p53 è di mantenetre la stabilità genomica delle cellule. Quindi l’insufficienza di questa proteina contribuisce all’instabilità genomica, all’accumulo di mutazioni e all’accelerazione della generazione di tumori. Il gene p53 è mutato nel 50-55% di tutti i tipi di cancro negli esseri umani.

Questi mutamenti sono situati principalmente nel dominio dell’unione del DNA, che porta alla perdita della sua attività biologica.

Come si può notare l’esempio precedente è solamente un caso che fa riferimento a disordini cellulari che spesso conducono a malattie incurabili, ma ci sono molti fattori che possono provocare disordini al sano e normale sviluppo delle cellule. Comunque, è provato che questi disordini sono dovuti a una o più insufficienze delle funzioni cellulari elementari e/o al deterioramento del proprio ambiente.

D’altro canto, l’alto numero di malattie che colpiscono il corpo umano è basato sulla degenerazione delle cellule e sulla conseguente morte dei diversi terssuti che costituiscono il nostro corpo, sia in modo acuto (infarto) che cronico (degenerazione-invecchiamento).

Per questo motivo abbiamo incluso cellule embrioniche precursori nel nostro tessuto che corrispondono alla formula di cellule e prodotti di tessuto precursore della seconda generazione con un ricco contenuto di cellule pluripotenti, come nel caso degli esclusivi prodotti HUMAN ULTRACELL 3G. In questo modo, siamo riusciti a mettere a disposizione del corpo umano nuovo materiale cellulare che darà una nuova dinamica alle formule dei nostri prodotti già affermati e abbiamo soprattutto dato un nuovo potenziale terapeudico con la differenza di assicurare funzioni cellulari ottimali che proteggono il più a lungo possible il corpo dal danneggiamento cellulare che scaturisce inevitabilmente in patologie e malattie, influenzando notevolmente i processi d’invecchiamento.

L’utilizzo di questi nuovi componenti nelle nostre formule consente alla trattamenti rigenerativi e dell’rigenerativi di ottenere migliori risultati.

 

© 2018 Biocell Ultravital. Privacy
Like Us on Facebook Follow Us on Twitter